Astrolampo | Don Chisciotte della Mancia
class="pirenko_portfolios-template-default single single-pirenko_portfolios postid-398 wpb-js-composer js-comp-ver-3.6.12 vc_responsive"

Don Chisciotte della Mancia

A 400 anni di distanza, il libro di Cervantes ci parla con temi assolutamenti moderni e “necessari”: la pazzia come unico modo per vedere il mondo con occhi diversi e non offuscati da convenzioni e pregiudizi.

Nello spettacolo si è optato per una doppia veste di presentazione; la recitazione e la lettura poiché solo così Don Chisciotte e Sancio Panza assumono una connotazione non di mera follia ma di una non celata metafora di ricerca di ideali, giustizia e abbattimento di barriere sociali.

Il tutto portato in scena con uno stile “brechtiano” dove i due personaggi mai prevalgono l’uno sul’altro, si alternano alla lettura e agli strumenti, trasformando così la realtà a seconda della prospettiva cui si guarda e dove, tra gli innumerevoli personaggi che contornano le vicende dell’ “ingegnoso hidalgo”, si è scelto di porre l’attenzione su avventure ed incontri che in tutti i modi cercheranno di riportare alla realtà il “folle” Don Chisciotte della Mancha e il suo “buon scudiero” Sancho Panza.

Details